Realizzazioni

Progetti
Fotogallery
Intervista a Nicoletta Marin
"Ecologia urbana"
- ne parliamo con -
Nicoletta Marin Gentilini
[fonte: www.asterisconet.it]
:: Home arrow Edilizia ecologica arrow Inquinamento atmosferico
Inquinamento atmosferico
L'inquinamento atmosferico, è la condizione atmosferica risultante dalle emissioni dei gas di scarico degli autoveicoli, delle centrali elettriche, delle fabbriche, degli impianti di incenerimento e dalla combustione domestica dei combustibili fossili nelle aree urbane e industriali. Gli agenti inquinanti possono anche derivare dall'uso di pesticidi spruzzati nelle zone rurali, dalla polvere generata dall'estrazione mineraria e dall'agricoltura.
Comunque, l'inquinamento atmosferico può avere anche cause naturali; per esempio può derivare dalle polveri prodotte dai forti venti che soffiano sui deserti, dalla sabbia, cenere e polvere provenienti dalle esplosioni vulcaniche e dai nuclei salati di acqua di mare portati a terra da forti venti.
L'inquinamento prodotto dai gas naturali è causato da esplosioni vulcaniche, fumarole, acquitrini, paludi e materia in decomposizione. Gli agenti inquinanti vengono trasportati dai venti e dalle correnti d'aria ascensionali; le particelle più grandi ritornano rapidamente sulla superficie terrestre per effetto della forza di gravità (fallout), mentre le particelle più piccole vengono rimosse dall'atmosfera attraverso l'azione della pioggia (wash-out).

L'inquinamento atmosferico è definito dalla normativa italiana come "ogni modificazione della normale composizione o stato fisico dell'aria atmosferica, dovuta alla presenza nella stessa di una o più sostanze con qualità e caratteristiche tali da alterare le normali condizioni ambientali e di salubrità dell'aria; da costituire pericolo, ovvero pregiudizio diretto o indiretto per la salute dell'uomo; da compromettere le attività ricreative e gli altri usi legittimi dell'ambiente; da alterare le risorse biologiche ed i beni materiali pubblici e privati".
Le cause dell' inquinamento atmosferico sono da individuare nelle attività di produzione e utilizzo di combustibili fossili e carburanti, le attività di produzione industriale, l'estrazione dei minerali, l'incenerimento dei rifiuti e l'attività agricola.
I principali inquinanti sono il biossido di zolfo (So2), gli ossidi di azoto (Nox), il monossido di carbonio (CO), l'ozono, il benzene, gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA), le polveri (soprattutto il articolato avente diametro inferiore a 10 milionesimi di metro) e il piombo.
In ambito locale il problema riguarda l'inquinamento urbano di cui sono responsabili il traffico veicolare, il riscaldamento degli edifici, e gli impianti industriali ed energetici.le città sono infatti i luoghi dove maggiormente si concentrano le fonti di squilibrio per l'ambiente con conseguenze dirette anche sulla salute dei cittadini.
(fonte: RSA 2001 - Relazione sullo Stato dell'Ambiente Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio)
 
< Prec.   Pros. >

Ricerca nel sito

 
Progetto pandora di architettura sostenibile, ecocostenibilità e abitazioni ecologiche