Realizzazioni

Progetti
Fotogallery
Intervista a Nicoletta Marin
"Ecologia urbana"
- ne parliamo con -
Nicoletta Marin Gentilini
[fonte: www.asterisconet.it]
:: Home arrow Ambienti multisensoriali arrow Percorsi multisensoriali all'interno dei musei
Percorsi multisensoriali all'interno dei musei
I percorsi  multisensoriali all’interno dei musei nascono proprio per facilitare le persone con handicap, che non potendo godere appieno della vista e dell'udito possono , attraverso la musica, i colori ed i profumi, avere una percezione più completa della realtà che li circonda.  Partendo dall'assunto che le esperienze olfattive ed acustiche sono momenti di approfondimento conoscitivo che  permettono di trasmettere informazioni suppletive e complementari, a vantaggio sia di soggetti con handicap sensoriali sia a vantaggio della normale utenza,  la stimolazione acustica ed olfattiva può e deve diventare, secondo noi,  anche metodo didattico.

Image
 
L'introduzione di veri e propri percorsi olfattivi ha il suo motivo d’essere perchè molti degli oggetti  esposti sono testimonianza di una storia anche di profumi, di essenze e di aromi che, attraverso gli oggetti rimastici, testimoniano una cultura che fu.
Lo stesso si può dire per la musica, che ha in sè le potenzialità per informare circa il tema dell'esposizione museale. Di sala in sala il percorso espositivo si snoda attraverso punti tematici che possono essere supportati da ritmi e sonorità che ne esaltino il valore. Per esempio abbinare la visita di strumenti musicali alle loro effettive sonorità è un traguardo prestigioso. Strumenti muti all'interno di teche espositive, posso essere alfine liberati nella propria espressività.

Questo vale anche per le esperienze tattili. L'importanza di conoscere l'arte, sposando i sensi all'intelletto, si rivela anche quando i vedenti scoprono che vedere con la mani rafforza la comprensione dell'opera d'arte. Integrare vista e tatto permette di vedere in modo più organizzato la composizione e induce a comprendere in modo meno scontato l'immagine.

Image

Anche per i non vedenti la conoscenza dell'opera d'arte passa attraverso la comprensione della forma, della composizione , dello spazio prospettico. Queste informazioni, rese leggibili al tatto, escludono la nozione di colore, nozione che è possibile fornire tuttavia, alle persone ipovedenti o non vedenti tardive, con interventi cromatici sui rilievi e con ulteriori sussidi.
 
< Prec.   Pros. >

Ricerca nel sito

 
Progetto pandora di architettura sostenibile, ecocostenibilità e abitazioni ecologiche